Salame Ventricina Abruzzese Originale

Descrizione

La ventricina è un salume tipico del territorio Abruzzese, tramandato da generazioni di famiglie contadine e apprezzato dal tempo dei Borboni.

Per nota tecnica, la ventricina Sorrentino, data la prossimità territoriale, è del tipo ‘Vastese’ (da non quindi confondere con quella Teramana, morbida e spalmabile) ed è un insaccato antico, realizzato in budello naturale, con pezzatura di circa Kg. 3,5.

La ricetta prevede tagli a punta di coltello di magro di prosciutto, lombo, filetto e pancetta, sapientemente aromatizzati con sale, aglio, pepe macinato e finocchio selvatico. Una volta pronta la carne viene aggiunto nella concia del trito di peperone dolce nostrano di Altino (città Abruzzese rinomata per questo prodotto e che ogni anno ha un festival dedicato) e una piccola percentuale di peperoncino piccante. Dopo 48 ore di riposo, l’impasto viene insaccato nella vescica naturale del maiale: in origine veniva usato lo stomaco del suino (il ventre), caratteristica che ha dato origine al nome stesso dell’insaccato. La maturazione richiede almeno 60 giorni.

Il colore è rossastro e la grana grossa e disomogenea, dove si possono distinguere i vari pezzi di carne e grasso che compongono il prodotto. Il sapore è deciso, una combinazione della carne di maiale e delle spezie contenute, in particolare il peperoncino dolce naturale.

Da anni la Ventricina abruzzese è considerata uno dei salami più buoni e naturali d’Italia.

La ventricina è altresì simbolo di identità ed orgoglio di appartenenza ad un territorio, un tempo fatta in casa in inverno con i maiali allevati per garantire una fonte di proteine per tutto l’anno; oggi un prodotto per tutti i giorni, per deliziare le vostre ricette o da degustare in occasioni speciali o da regalare come miglior souvenir gastronomico del vostro viaggio in Abruzzo.

Prodotto Red Award al Merano Wine Festival.

TORNA SU